Kompreno: Il mio “perché” personale

Lo scorso autunno ho fondato Kompreno. Ecco le mie ragioni personali.

Il nostro piccolo team metterà a disposizione di tutti voi i migliori testi giornalistici di tutta Europa: personalizzati in base ai vostri interessi e tradotti nella vostra lingua. In un unico abbonamento digitale di alta qualità con un’eccellente usabilità (B2C). E con un nuovo modello di business che apre ulteriori fonti di guadagno per tutti gli editori partecipanti, in modo che il buon giornalismo possa rifinanziarsi in modo equo e sostenibile (B2B).

Un pass Interrail per la sfera digitale. Per un mondo senza barriere linguistiche.

Sono 15 o 20 anni che mi porto dietro la visione di una tale start-up: Portare innovazioni interessanti al mainstream, usare la tecnologia in modo significativo, unire le persone, educare, fare del bene. Sono convinto che i tempi siano ora maturi per farlo.

Vorrei esprimere i miei più sinceri ringraziamenti al Media Lab Bayern per il finanziamento iniziale, alle decine di partner per le interviste, al nostro comitato consultivo e alle innumerevoli persone che ci hanno dato l’impulso. Gli ultimi mesi sono stati una corsa selvaggia e fantastica. E ora siamo solo all’inizio.

Con Paul, Alexandra e Marcus, ho trovato i compagni d’armi altamente specializzati e interdisciplinari la cui combinazione unica di talenti ed esperienze ci renderà, si spera, imbattibili.

Tuttavia, questo significa che è anche il momento di dire addio a OpenText. Sono molto grato per le loro tecnologie ispiratrici, le persone affascinanti, i clienti fedeli e i partner dedicati con cui ho avuto il privilegio di lavorare. Ho imparato molto da voi. Mi avete arricchito.

E ora, torniamo a Kompreno: Voglio invitarvi cordialmente a diventare un membro abbonato dal primo giorno. Restiamo in contatto. Registrati qui.